Ao no Exorcist episodio 25 [END]

Eccoci al ultimo episodio di questo strepitoso Anime/Manga, dopo essere stata aperta la porta che collega il Gehenna con Assiah, migliaia di demoni hanno cominciato ad infestare il nostro mondo. L’idea di Satana per sè è anche buona, creare un mondo pacifico dove sia i demoni che gli umani possano vivere in tutta tranquillità in un mondo pacifico però forse bisognerebbe fare un passo alla volta. Mentre Okumura e Yukio cercano di chiudere il passaggio e sconfiggendo orde di demoni, i loro amici cercano di fare del loro meglio per portare al sicuro i civili, me i demoni sono troppi per tenerli distanti. Fortunatamente a Ryuji viene in mente di usare la chiave per andare velocemente nel Vaticano, dove è ancora giorno visto il fuso orario e con degli specchi convogliare la luce del sole nella True Cross facendo venire giorno. I demoni con la luce del giorno perdono l’orientamento e probabilmente è un loro punto debole, questa è il momento per Rin e Yukio di colpire il passaggio per il Gehenna. Yukio e Rin unendo i loro poteri creano un enorme fenice di fuoco blu che si scaglia con tutta forza nel passaggio, colpendo il cuore della porta e distruggendola. Tutto finisce con Rin e Yukio che fanno visita alla tomba della loro madre, proprio nel punto dove sono nati. Tutto tornò come prima e True Cross continuò le lezioni, però grazie a quello che hanno imparato dai loro genitori è ora di capire perché i demoni attaccano l’uomo cercando di capire anche le loro motivazioni cercando di creare un mondo migliore.

Annunci

Ao no Exorcist episodio 24

In questo episodio, il penultimo vedremmo Yukio che come già sappiamo è stato impossessato da Satana, ma non è tutto affronteremo un imminente guerra fra gli umani ed i Demoni, forse la guerra più devastante che abbia mai incontrato il nostro pianeta. Yukio per tutto l’episodio o quasi, non riesce a riottenere il controllo sul suo corpo e Satana fà ciò che vuole, continuando la sua missione, quella di creare un nuovo mondo come avrebbe voluto anche la loro madre, un mondo dove demoni ed umani possano convivere. Rin e gli altri cercano di opporsi alla sua follia, però la potenza di Satana è fin troppo superiore, non possono fare niente per sconfiggerlo e sono costretti a nascondersi. Shura e Rin studiano una strategia per chiudere il Gehenna, anche se gli amici di Rin non possono aiutarli si renderanno ugualmente utili salvando gli umani prelevandoli e nascondendoli nella True Crose, mettendoli al sicuro. Shure cercherà di guadagnare più tempo possibile, distraendo Satana per permettere a Rin di agire alle sue spalle e chiudere il Gehenna. Ma non è così semplice, infatti la missione fallisce dopo aver visto Shiemi rischiare la vita. Rin non è riuscito ad ignorarlo e si intromette, decide di non combattere sapendo che se gli avrebbe fatto del male, sarebbe solo un dolore fisico per Yukio. Così cerca disperatamente di fargli prendere coscienza e farlo tornare con loro. Finalmente Yukio riesce a prendere il possesso di metà del suo corpo però mentre riesce a porgergli la mano, l’altra metà del suo corpo ancora in possesso di Satana gli spara un proiettile. Yukio decide di uccidersi, per fermare la follia di Satana ed impedirgli di prendere il suo corpo o fare ciò che vuole, ma Rin lo ferma facendogli prendere pieno potere con il suo corpo, dopo avergli detto di non volere restare più solo. Però il Gehenna è ora mai aperto ed il sogno di Satana è quasi completo. Ora manca un ultimo episodio e spero che non ci deluderà come molti anime di stagione, con i loro finali frettolosi e poco interessanti.

Ao no Exorcist episodio 23

Yukio dopo aver visto suo fratello Rin torturato e soffrire, decide di essere usato al suo posto, sacrificando il suo sangue per lo scopo di aprire un passaggio per Gehenna. Dopo averlo aperto e aver provato a distruggerlo per annientare l’inferno e con lui tutti i demoni del mondo, ma fallendo miserabilmente Yukio risveglia i suoi poteri da demone e Satana in persona parla con lui. Gli racconta come sia andata realmente la storia di sua madre, Yuri così si chiama era incaricata nel investigare su alcuni casi di autocombustioni umana e dopo aver visto tutti i suoi compagni bruciare dalle fiamme blu, anche lei viene colpita, ma non muore, per qualche strana ragione lei è immune a quelle fiamme. L’ordine della True Cross gli ha ordinato di tornare, ma lei restò li voleva incontrare l’artefice di quelle fiamme, dopo un lungo viaggio incontrò un lupo bianco circondato di fiamme blu. Yuri sentiva che il lupo si sentiva solo ed era solitario, così decise di offrirgli il suo corpo. Satana lo fece e cominciò a comprendere il senso della vita ed altre cose sul conto degli umani. Yuri lo aiutò perfino a tenere in grembo i figli di satana, per questo Shirou che era incaricato di riportarla alla True Cross viene arrestato e chiuso in cella per non averla uccisa dopo aver scoperto la sua vera storia. Yuri in seguito fù condannata a morte e come una strega messa al rogo, ma le fiamme blu riuscirono a proteggerle bruciando tutto e tutto, denominata la notte blu che ha ucciso molti innocenti, tutto per farla fuggire e dare alla luce i figli di Satana. Mephisto liberò Shirou e vennero incaricati nel cercare Yuri per ucciderla e fare lo stesso con i loro figli, però nel momento in cui li trovo Yuri morì dal grande sforzo e Shirou vedendo questi due piccoli fagottini decise di crescergli e rendere possibile l’amicizia fra demoni ed umani, cercando di creare un mondo migliore. Yukio dopo aver scoperto la verità perde la calma e dà libero sfogo alla sua doppia personalità demoniaca impazzendo e diventando a tutti gli effetti un demone con sete di sangue. Takara che non si è praticamente più visto negli ultimi episodi, in questo si mostra e gli hanno dato uno scopo alternativo, infatti è il narratore di quello che accade mentre si apre il Gehenna ed anche se ha una voce un pò particolare, devo dire che è adatta allo scopo, spero che gli diano uno scopo più adatto alla storia, magari combattere, mi ha sempre incuriosito questo personaggio silenzioso ed emarginato, però dubito che lo vedremmo nell’ultimo episodio dandogli fin troppa luce.

Ao no Exorcist episodio 22

Ora che i leader del Vaticano sono stati sostituiti ed un nuovo papa è stato eletto, le cose sono cambiate drasticamente, Yukio è diventato Paladino in men che non si dica e sembra essere cambiato notevolmente, sembra che ora che è al livello più alto si sente superiore. Erns Frederik Egin ha promesso a Yukio che Rin tornasse nella sua forma umana, però per fare questo devono distruggere completamente Gehenna e tutti i poteri demoniaci sparirebbero compresi quelli di Rin. Dopo queste incredibili novità, sia gli studenti che gli insegnati gli vengono date delle armi con uno strano simbolo e formando svariate pattuglie sterminano tutti i demoni che si trovano d’avanti, ed in qualche modo l’arma risucchia il loro potere. Gli studenti sono scioccati di aver visto questa mattanza, uccidendo tutti i demoni creando una carneficina disgustosa. Yukio dopo aver ucciso un cinghiale demone che aveva protetto la foresta dai demoni troppo forti per creare un compromesso, diminuendo al minimo la quantità di demoni però dopo aver infranto questa promessa. Rin si ribella a Yuiko e chiede spiegazione, ma Yukio punta la sua pistola a Kuroneko perch’è tutti i demoni devono essere annientati compreso lui così hanno un piccolo litigio, Yukio in qualche modo riesce ad addormentare Rin e lo portano in una prigione con Mephisto come vicino di cella. Tutto và secondo i piani di Erns Frederick Egin e Rin viene convocato in un luogo con tutte le armi che hanno sacrificato orde di Demoni e tramite un rituale molto spettacolare torturano Rin usandolo come sacrificio umano per aprire il Cancello di Gehenna. L’episodio finisce con la riuscita del rituale e il risveglio dei poteri demoniaci di Yukio, che a differenza di Rin che li usava per fare del bene Yukio li ha risvegliati solo grazie alla sua malvagità interiore. Finalmente l’anime si stà rivelando molto epico, dopo svariati episodi un po’ semplici ed alcuni monotoni e quindi noiosi, finalmente siamo vicini alla fine e si prevede un ottimo sviluppo nell’aria.

Ao no Exorcist episodio 21

In questo episodio Shiemi ha un ruolo fondamentale nella storia, in primo luogo è la prima persona che trova la moglie del professor Nehaus svenuta a terra d’avanti al portone del suo negozio, non conoscendola si offre subito di curarla senza sapere che in realtà è già morta. Il professor Nehaus è sulla lista dei ricercati del Vaticano e lo stanno interrogando, scopriamo che sua moglie è morta molti anni fà, però dopo essere tornato a casa la capsula d’ibernazione era aperta, subito capì che era posseduta da un demone però non aveva le forze di farla morire un’altra volta. Il Vaticano ben presto scopri questo abominio e non tollera chi riporta in vita i morti, fortunatamente Nehaus riesce a riprenderla e a fuggire. Ma nella testa della moglie qualcosa è cambiato, cominciò a ricordarsi di essere morta e la sua sete di vendetta, aiutata dal demone dentro di se cominciò a cercare e a voler uccidere tutto coloro che avevano legami con Satana. Intanto Shiemi che ha curato al meglio la moglie di Nehaus e dopo aver fatto amicizia chiama Rin per farsi aiutare da lui, appena Rin vede la donna cerca di avvicinarsi, però la donna ha in ostaggio Shiemi, ma il suo corpo non può reggere ancora a lungo e perde le forze svenendo. Il corpo della moglie del professor Nehaus è solo un involucro, il demone dentro di lei non può dargli una vera e propria nuova vita, il corpo ben presto comincerà a decomporsi e poi abbandonerà l’ospite. Shiemi riesce a convincere Rin nel non attaccarla, credendo nel buon cuore della moglie così Rin Chiama Shura dicendogli dove si trovi la moglie del professore. Ma il Vaticano ha scoperto dove si trovi e si preparano a prenderla in custodia, Rin viene messo al tappeto dal paladino Angel che si prepara a giustiziarla, fortunatamente Nehaus riesce a raggiungerli, ma le sue parole non hanno alcuna importanza e mentre Angel la stà per colpire arriva Rin difendendola e combattendo contro Angel. Questo mette un attimo in confusione la moglie di Nehaus capisce che lui la stia difendendo, uno degli alleati di Angel spara verso Rin e Michelle si scaglia con il suo corpo per difenderlo. Tutto finisce con Nehaus e Michelle che se ne vanno cercando il giardino di Amahara, un luogo di pace per trascorrere gli ultimi momenti insieme al suo amato. Però non è finito qua l’episodio, Yukio in tutto questo ha parlato con suo nonno che sembra aver preso il potere dei Grigori e da ora in poi tutto nella scuola cambierà drasticamente, in peggio.

Ao no Exorcist episodio 20

Il monastero dove sono cresciuti Rin e Yukio è stato attaccato da un misterioso avversario, si sà solo che è mascherato ed i monaci del tempio sono intrappolati in una tela ti ragno indistruttibile, però sembra che respirano ancora. Rin per qualche strana ragione, perde il controllo e comincia a correre in giro, cercando il colpevole, fortunatamente lo incontra in cima ad un palazzo ed hanno una piccola colluttazione. A quest’uomo mascherato interessa solo uccidere il figlio di Satana e nient’altro. Incontriamo Igor in cima ad una chiesa, Yukio pensa che ci sia lui dietro l’attacco al monastero e forse vuole ancora uccidere Rin. Yukio con altri insegnanti della scuola, cominciano a cercare Igor nelle fogne, dopo averlo visto usa il suo potere e si mette in salvo, il professore Hinokawa viene intrappolato dalla ragnatela, però questa volta è chiaro che non sia stato Igor visto che è scappato nella strada opposta. Rin è costretto a stare rinchiuso in una stanza con Shura a controllarlo, cogliendo l’occasione di allenarlo a controllare la sua fiamma. Per qualche misteriosa ragione l’uomo mascherato irrompe nell’accademia True Cross, subito se la prende con gli studenti della scuola, imprigionando i compagni di classe di Rin. L’uomo mascherato chiama Rin con il cellulare di Shima, subito Rin lo raggiunge e sprigionando il suo potere scopriamo che è in grado di scogliere la sua ragnatela e libera tutti i suoi amici. Però l’uomo mascherato non si fà prendere così facilmente e riesce a scappare, viene difeso dal professore Igor, dopo aver detto che in realtà l’uomo mascherato è sua figlia. Yukio è evidentemente infastidito per non essere riuscito a salvare Rin, ma è successo il contrario, forse questa rabbia che ha dentro è legata in qualche modo al legame di sangue di Satana, forse il potere demoniaco si stà risvegliando anche in lui.

Ao no Exorcist episodio 19

In questa puntata non ci sono grandi azioni riguardante la storia principale, ma è più che altro un filler però è abbastanza piacevole, sia all’inizio che alla fine della puntata ci sono punti interessanti. Inizialmente si vede Yukio che fà degli esami o degli esperimenti con il suo sangue, probabilmente ha paura del suo potere, che sembra essersi svegliato, sicuramente il segno sul suo braccio dimostra il suo legame con Rin. In tutta la puntata, i protagonisti cercano di organizzare il compleanno di Kamiki, formando dei gruppi. Shima sarà incaricato nel trovargli un regalo, ma per questo avrà bisogno di una consigliera e questo ruolo stà a pennello con Paku. Così cominciano a frequentandosi scambiandosi delle opinioni, per poi uscire in città e cercargli il regalo. In tutto questo Kamiki gironzola per la scuola e scopre tutti i suoi compagni di classe fare delle cose strane e tutti se la danno a gambe per paura di essere scoperti, visto che è una sorpresa. Come se non bastasse Kamiki comincia a pedinare Paku, in compagnia di Shima e sembrano una coppietta felice che gironzola per i negozi, sfortunatamente comincia a piovere e stanno vicini condividendo l’ombrello. Proprio mentre Paku ha qualcosa nell’occhio si avvicina Shima per guardare, dagli occhi di Kamiki sembra che i due si stiano per dare un bacio, non riesce a non intervenire scivolando vicino a loro ed interrompendoli, sfortunatamente dopo averli messi alle strette Shima si fà sfuggire del suo compleanno. Kamiki contraria a partecipare al suo compleanno, riesce a convincerli organizzando il compleanno a tutto il corso, così festeggeremmo in anticipo o in ritardo tutti i compleanni. La torta è stata fatta da Rin, con la super visione di Konekomaru, questo li ha resi molto piu amici, sicuramente Konekomaru ha molta fiducia in lui e non ha più paura diventando degli amici veri. Anche se è un filler scopriamo che in realtà, il compleanno di Rin e Yukio non ha una vera e propria data, si sà solo che è d’inverno, Shirou non gli ha mai detto niente di preciso. La puntata finisce con Yukimura che riceve una chiamata dove lo informa che il suo monastero è stato attaccato, nella prossima puntata ci sarà molta più azione e rincontreremo il professor Igor.

Ao no Exorcist episodio 18

Tutti gli esorcisti compresi gli Esquires sono stati convocati per cercare il Demone di nome Gale che si è infiltrato nell’Accademia ed ha attaccato Rin, questo demone sembra essere riuscito ad entrare nell’accademia, però è un fatto molto strano visto che ci sono potenti barriera del signor Pheles che anche ai demoni più forti sarebbe impedito l’accesso, in questo caso ci dev’essere qualcuno che ha distrutto una barriera ed ha fatto entrare il demone. Gli Esquires sono incaricati nel cercare ed accertarsi che tutte le barriere, circa 12.000 siano ancora attive. Per tutta la mattina Konekomaru non si è visto, infatti, il demone cerca di continuo ad allearsi con lui sfruttando le sue debolezze. Mentre Rin si allena nel controllare il suo potere incontra Konekomaru ed il demone è al suo fianco. Rin cerca di uccidere il demone, però sembra mostrarsi solo a lui, Ryuji che assiste alla scena di Rin trasformato pensa che sia impazzito ed il potere delle fiamme blu lo stiano controllando, però non è così. In realtà tutto quest’imbroglio è solo per aumentare la paura di Konekomaru verso Rin ed unirsi a lui. Intanto Shura ha trovato un furgoncino sospetto dove esce uno strano fascio di luce ed entrando si trova in un altro posto, probabilmente questo è il passaggio che ha usato il demone Gale per entrare nell’accademia. Sotto gli occhi di Ryuji, Konekomaru si trasforma in un enorme corvo nero e vola via; ben presto attacca Rin con tutta la sua forza, il demone ha fatto un ottimo lavoro sfruttando le debolezze di Konekomaru. Il demone Gale è anche molto forte rispetto ai demoni che abbiamo visto fino ad ora. Konekomaru sotto il controllo del demone pensa di fare del suo meglio per impedire una nuova notte blu, però Rin riesce a fare breccia nel suo cuore dicendo che se aveva paura di lui, avrebbe dovuto chiedere aiuto ai suoi amici. Il demone capendo di star per perdere Konekomaru cerca di scappare con lui e Rin gli dice di fidarsi di lui e si getta verso di lui. Rin prontamente lo prende e con la sua spada uccide il demone Gale. Come in tutte le belle fiabe, tutto finisce bene, Konekomaru si scusa con tutti e con Rin e la mattina seguente decide di tornare al tempio ed abbandonare l’accademia. Ma nuovamente, Rin gli fà cambiare idea, visto che sono amici anche se Konekomaru ha tentato di ucciderlo ma dopo la fiducia che hanno sono ufficialmente amici e questo basta a Rin come patto, naturalmente Konekomaru torna all’accademia anche se per me avrebbe fatto bene ad andarsene, non è un personaggio che mi piace moltissimo o mi dia grande simpatia, invece Takara in questa puntata non si è visto per niente è molto strano.

Ao no Exorcist episodio 17

La puntata è molto bella anche se il combattimento non è proprio epico e non dura tutto l’episodio, anzi dura solo una decina di minuti, però è davvero bello, ogni secondo te lo gusti al meglio. Mephisto come al solito cerca di far diventare Rin un arma della chiesa, per usarlo sicuramente ad uno scopo malvagio, intanto suo fratello stà irrompendo nell’edificio della riunione ecclesiastica e stà distruggendo tutto e tutto. Infatti, serve l’intervento di Angel e Shura, che sembrano vincere fino a che Amaimon si trasforma in un enorme Golem di pietra. Raggiungendo Rin riesce a distruggere la pieta che lo sigillava al suo interno, liberandolo. Però gli manca la sua spada, fortunatamente Ryuji è riuscito a fare in tempo a riportargliela, ed è riuscito a farla riparare dalla sua amica d’infanzia. La scena in cui i suoi compagni di classe e Yukio cercano di dargli la spada facendo dei passaggi e poi risvegliando il suo potere, è molto curata e quando Rin rivela la sua vera forma è parecchio epico. La cosa bella è come Rin riesce ad uccidere Amaimono con una schivata ed un fendente al suo corpo trapassando la resistente roccia e poi perdendo i sensi. Alla fine i grandi ecclesiastici, anche se sostanzialmente sono stati li immobili a guardare il combattimento hanno deciso di usare Rin, forse hanno capito che è l’unico asso nella manica per uccidere una volta per tutte Satana. Sostanzialmente tutto torna come un tempo, però i suoi amici hanno una paura di Rin, ed è comprensibile, per quanto Rin cerchi di comportarsi come sempre da amico e dando le sue solite confidenze, tutti hanno paura, in particolare Konekomaru il debole del gruppo. Più tardi Rin viene portato in palestra per un allenamento segreto, dove deve riuscire a controllare le fiamme per accendere le fiamme di tre candele, ma è molto complicato. Continua a provarci, ma fallisce, non è così semplice come sembra. Izumo incontra Rin e gli dà il consiglio di non avere paura del suo potere, così potrebbe usare le fiamme a pieno controllo. Proprio in quel momento sono attaccati da un demone misterioso, che in precedenza ha attaccato Konekomaru, solo nella prossima puntata scopriremo di più e avremmo una buona dose di azione e litigi fra amici. Konekomaru è il personaggio più debole sia fisicamente che mentalmente, per un demone sarebbe quello più facile da imbrogliare, visto che i demoni di basso livello cercano di manovrarti psicologicamente mostrandoti le tue debolezze. Per questo sapevo che sarebbe arrivato il momento, prima o poi che Konekomaru affronti le proprie paure per diventare più forte, se non lo fà non diventerà mai un Paladino o qualcuno di importante, non che confidi in lui un grande potere.

Ao no Exorcist episodio 16

Questo episodio possiamo dividerlo in due storie collegate ma indipendenti, con Rin, Shura e Mephisto che affrontano le questioni delle autorità ecclesiastiche, per decidere sul da farsi riguardo Rin ed il suo enorme potere. Nel frattempo gli altri si diresse a Kyoto per cercare di trovare un fabbro per riparare la lama demoniaca di Rin, per contenere il suo potere. Il combattimento contro Amaimon, come sappiamo, Rin ha perso il controllo del suo potere a causa della sua spada che si è rovinata e non riesce a trattenere il suo potere. Per questo appare un nuovo personaggio “Arthur Auguste Angel” Esorcista di Prima Classe Superiore della sede Vaticana, recentemente nominato Paladino e si occupa di portare Rin all’autorità ecclesiastica. La scena un pò classica, ma sempre molto carina che mi è piaciuta e quando Shiemi abbraccia Rin, ancora in forma demoniaca e Rin riesce a spegnere il suo potere solo per non fare del male a Shiemi ed aver riconosciuto un amica, è una scena vista e stra vista però rende sempre l’idea della forza dell’amicizia. Stranamente Konekomaru è negativo nell’aiutare Rin, però gli altri trovano questo fabbro che è una grande amica di Ryuji, sembra essere possibile aggiustare una spada di quel tipo, però servono diverse cose, materiali e procedure antiche che non sono scritte da nessuna parte e solo i saggi ne sono ing rado di farlo. Però pensano che prendendo i chiodi che sono resistiti all’attacco di satana al loro villaggio e quindi alle loro fiamme, sia possibile ripararla con quei cimeli. Mentre si Regano al tempio, non si vede anima viva e delle statue di Buddha parlano con Ryuji e Yukio, però sono demoni che nelle debolezze della persona cercano di fargli cambiare idea ed attaccarlo, in questo caso cercano di fargli cambiare idea sul fratello o sul caro amico Rin e se non fossero intervenuti i loro amici, questi demoni sarebbero riusciti a fargli il lavaggio del cervello. Dopo aver trovato i monaci del tempio svenuti, ed averli rimessi in sesto riescono a farsi dare i due chiodi. Tornando al processo ecclesiastico, i grandi capi non sono molto sicuri su cosa fare con Rin, se ucciderlo, sfruttare i suoi poteri oppure studiarlo, visto che ha le potetni fiamme blu potrebbero scoprire un punto debole e riuscir a battere Satana. Fatto stà che Mephisto cerca in tutti i modi di far vivere Rin, sicuramente lui vuole farlo entrare nel mondo demoniaco per averlo come alleato o sfruttarlo come vuole. Però proprio mentre parlano, Amaimon incontrollabile attacca l’edificio ecclesiastico, probabilmente è infuriato perché non vuole ammettere la superiorità di Rin. Per ora Rin è stato immobilizzato per tutta la puntata in una forma demoniaca in un grande Cristallo che non gli permette alcun movimento, sembra però che mentre è in questo limbo stia combattendo una guerra interiore, dove il suo lato demone cerca di avere il pieno controllo del suo corpo.