Bakuman episodio 16

Azuki ha debuttato come doppiatrice in una storia molto al femminile e fra breve sarà in onda, infatti siamo già arrivati all’estate e Mashiro fà finta di non essere interessato a vederlo con Kaya e Takagi, infatti vuole vederlo da solo però alla fine decide di vederlo con Takagi appena uscirà, anche se verrà trasmesso di notte. Intanto i nostri futuri mangake stanno creando una nuova storia commerciale, decidono di usare come protagonisti un angelo e una ragazza, molto somigliate ad Azuki, la storia narra di angeli che accompagnano in paradiso le persone morte, ma alcuni di loro scendono sulla terra uccidendo gli umani per fare più punti in un ipotetica scala su coloro che portano più morti al varco, ed il protagonista è un angelo della giustizia che vuole fermarli, si innamorerà di una ragazza umana e combattera contro gli angeli malvagi. Come storia è molto commerciale, forse un pò troppo banale ma comunque su questi standard devono lavorare, sicuramente verso la fine avrà una scena molto toccante per far piacere e godera appieno il manga. Hattori li chiama per un nuovo concorso della rivista NEXT chiamato Gold Future Cup o Kin Mirai Hai, però devono creare in name entro poco tempo, così decidono di lavorarci concentrandosi al massimo sulla loro storia. Appena il loro name è finito lo portano ad Hattori che ne rimana piacevolmente colpito, non pensava che sarebbero riusciti a creare un manga con una storia commercialre sui combattimenti e per ora è molto buono. Pero gli dà il consiglio di dover usare i suoi prezziosi consigli cercando addirittura di superarli, infatti un mangaka deve essere sempre al di sopra del suo editore per diventare qualcuno. Però pochi giorni dopo Hattori li chiama per dirgli la spiacevole notizia che non sono stati presi per il concorso, questo li distrugge parecchio infatti sono parecchio tristi e increduli. Però alla fine, l’anime che ha dato il debutto ad Azuki gli tira su di morale, anche se la sua voce si sente solo verso la fine del anime, in cui la sua personaggia si dichiara con la protagonista, dicendo 4 semplici battute. Takagi comincia a non venire a scuola demotivato da questo colpo basso, di non essere stati all’altezza di andare ad un nuovo concorso. Mentre Mashiro incontra Takagi sul prato lungo il fiume viene chiamatao da Hattori che gli chiede se sono frustrati per quella brutta notizia, così gli dà il loro name in una busta, con un foglio scritto da tutti i giudici, sono tutti commenti belli su quel name, molti stupiti che siano gli stessi creatori di Soldi e Idee. Intanto Kaya decide di avere a sua volta un sogno, vuole diventare una scrittrice, comincierà scrivendo romanzi per cellulare prendendo spunta la storia di Azuki e Mashiro cambiano un pò i soggetti, Takagi però gli deve dare una mano ed in cambio gli darà qualche consiglio su come la prensano le donne creando un personaggio femminile al meglio. Mentre Takagi non riesce a trovare lo spunto per scrivere, sforzandosi tanto non riesce a creare niente che gli piaccia veramente, Mashiro viene contattato da Hattori che gli chiede se vuole dare una mano facendo l’assistente per Nizuma. Takagi sapevà già di questa chiamata avendola avuta in precedenza da Hattori e a lui andava bene se Mashiro avesse voluto andare, sentendosi in colpa nel rallentarlo. Mashiro inizialmente pensava di non dargli una mano, infatti lui pensa che Nizuma sia il suo acerrimo rivale da battere, però alla fine decide di dargli una mano per imparare qualcosa e sfruttare la cosa, lasciando un pò Takagi a riposo, per dargli il tempo di creare qualcosa di commerciale. Mentre Mashiro stà tornando a casa, pensando a tutto quello che è successo in questi giorni vede Takagi baciare Kaya, come scena mi sembra parecchio esagerata, cioè forse perch’è noi occidentali siamo più aperti in certe cose, non diamo un valore così estremo come lo danno i Giapponesi ad un bacio, infatti loro raramente si tengono per mano o si scambiano dolcezze in pubblico e per questo non lo capisco bene questo stupore di Mashiro, comunque alla prossima puntata, dove vedremmo un personaggio molto interessante che lavorerà per Niizuma e con Takagi.

To Aru Majutsu no Index II episodio 15

Come abbiamo visto nella puntata precedente Agnese incontra Touma e Orsola su una nave che forma una grande flotta denominata “Regina del Mar Adriatico” e senza pensarci due volte Agnese colpisce Touma. Dopo di che Agnese decide di aiutarli ma ottenendo qualcosa in cambio, lei vuole permettergli di scappare però devono portare via Angelene e Lucia. Nella nave lavorano coloro che sono in punizione, per qualche atto contro la chiesa o semplici richiami, così lei e le sue amiche sono finite a lavorare su una di quelle navi. Però Angelene e Lucia hanno usato una magia che manda in tilt il sisteama di sicurezza della nave, evadendo e sono state prese usando un’apparecchio legato alla loro testa che le immobilizza. Agnese è preoccupata per loro visto che potrebbero fargli dal male per aver evaso, apparte questo le due suore sanno come fuggire dalle navi, così che Touma e loro si possano aiutare reciprocamente. Così Agnese e Touma si strignono la mano, segno per accettare il loro patto, però Touma con il suo potere racchiuso nel braccio distrugge l’abito di Agnese, per il semplice fatto che i suoi vestiti sono stati modificati con una magia sia per tenerla d’occhio sia per non permettergli di usare la magia. Touma e Orsola vanno a cercare la stanza dove sono rinchiuse Angelene e Lucia, dopo averla trovata vengono attaccati da un gueriero di ghiaccio che lo distruggono velocemente grazie al potere di Touma. Entrando nella stanza Orsola fà finta di avere un immanso potere, mostrandogli i pezzi del gueriero, chiaramente è un bluf, visto che non hanno realmente armi e sono solo in due contro 3 uomini ricorrono a questa idea riuscendo a fargli paura, così li legano. Angelene e Lucia vengono liberate e gli raccontano che Agnese vuole farle scappare e dopo averle convinte, la stanza dove si trovano viene distrutta da un colpo di cannone, finendo in mare. Sembra che l’arcivescovo Biagio vuole affondare certe barche della sua formazione, per il semplice fatto di eliminare scomodi testimoni. Intanto vediamo il passato di Agnese, proprio quando era molto piccola e dopo aver assistito all’omicidio dei suoi genitori si trova da sola e povera, viene accolta da due sacerdoti che la fanno diventare una suora e da li conosce Angelene e Lucia. Touma si risveglia in un sottomarino di proprioetà della chiesa di Amakusa, per fortuna anche Angelene e Lucia sono state salvate da loro e incontriamo Index, che sembra la persona che ha contattato gli Amakusa. Tatemiya il capo degli Amakusa, mentre Touma era addormentato ha usato il potere del suo braccio per distruggere gli abiti delle due suore, per questo Index si arrabbia con lui e lo morde, anche se in questa occasione non era coscente. Dopo una cena con alcuni membri dell’Amakusa veniamo a sapere che tempo fà la chiesa cattolica Romana e Veneziana erano nemiche, la chiesa cattolica romana ha creato la Regina del Mare Adriatico per cancellare Venezia in un sol colpo, ma non con un bomba o qualcosa di simile, ma con un potere che poteva far scomparire la cultura e la storia della città completamente. Dopo di che Touma, gli Amakusa, Index e le due suore, decidono di andare a salvare sia Sorella Agnese che l’intera Venezia dalla distruzione. Nella stessa notte gli Amakusa fanno avanzare delle navi esplosive per fare danni alle navi delle flotta, ma servono solo per sviare le loro idee, infatti fanno avanzare un sottomarino, facendoli concentrare su quello e intanto da tutt’altra parte gli Amakusa e gli altri sono saliti sulla nave principale. Inevitabilmente comincia uno scontro, tutti si danno da fare per combattere, e le suore di quella nave si sentono tradite, perch’è l’arcivescovo Biagio ha dato ordine di attaccare la loro stessa nave per distruggere i nemici, facendo così uccideranno anche i loro alleati. Angelene e Lucia usando la loro magia cercano di parare e distruggere i colpi però non riescono, Angelene mettendo a repentaglio la sua stessa vita spinge una suora per fargli schivare un colpo e viene presa in pieno. FIN