Omamori Himari episodio 4


Questo episodi inizia come al solito con scene un pò echi, Yuuto si sveglia insieme a Himari con una mano nel suo sene, e da sotto le coperte arriva Shizuku che gli da del pervertito, arriva anche Rinko e come immaginiamo si arrabbia perchè è gelosa. Di notte Himari è sul tetto e pensa che ci siano troppe donne che si stanno avvinghiando al padroncino, infatti appena prima vediamo Lizlet che dice di avere una cotta per Yuuto. Himari così decide di andare a visitare i nonni al villaggio di Noihara, così forse qualche suo ricordo riaffiora. Scopriamo che il personaggio misterioso che si vede alla fine della puntata precedente è Kaya che si è occupata della casa di famiglia. Più tardi Himari si avvicina Yuuto strusciandosi e baciandolo, così Yuuto comincia a ricordare di una gattina bianca che andava sempre in giro con lui, con lei al suo fianco si sentiva più forte e al sicuro, poi vediamo Himari da piccola, con sembianze umane che lo bacia. Vediamo Yuuto sul bordo di un fiume che parla con la gatta bianca che è Himari e che gli dice di essersi ricordato di lei, e la gatta facendo ul balzo gli arriva in braccio, e poi si trasforma in umana, ed è nuda. All’improvviso vengono attaccati da un Ayakashi d’aria di nome Ageha, Yuuto cerca di non farle combattere, dato che è un pacifista, ma Ageha vuole uccidere gli sterminatori di demoni solo per guadagnare reputazione, cosi Himari e Ageha iniziano a combattere. Ageha è in difficolta cosi chiama come suo alleato un Daidarabocchi, un gigante. Intanto Shizuku, Rinko e Kaya vengono attaccate da un demone ippon datara un demone che riesce a controllare il legno. Himari dice a Yuuto di scappare, e mentre lo fà, pensa che è ora di reagire, è stufo di non proteggere le persone a lui caro, cosi corre per proteggere Himari che è a terra, e viene colpito al petto dalla spada di Ageha e cade a terra dicendo che stà imparando ad agire come un uomo, e cade a terra. Himari a pezzi per quello che è successo sprigiona un potere incredibile, sembra quasi che abbià liberato il suo lato demoniaco, e comincia a distruggere il Daidarabocchi, poi torna su Ageha quando Yuuto riprendendo i sensi, con un bastone a terra, la protegge e vediamo un enorme fascio di luce uscire dalla sua arma.. Fine

Ookami Kakushi episodio 7

Hiro si trova nel proprio letto pensando che la scorsa notte (puntata precedente) era stato tutto un sogno, e suo padre svegliandolo gli dice che l’ha trovato svenuto di fronte alla porta di casa. Dopo andò a scuola e tutti si comportavano in modo normale, Hiro era ancora un pò scosso da quello che aveva visto la notte scorsa, Kaname gli dice di incontrarsi in biblioteca, così finite le lezioni si incontrano. Kaname comincia a parlare di nuovo della leggenda di Jouga e gli dice che originariamente il Grande Dio era la divinità che gli abitanti di questo posto veneravano, e che i lupi proteggevano la città, lei pensa che i lupi esistino ancora ma che siano diversi da come pensano. Secondo Kaname i lupi di Jouga sono una specie completamente diversa e pensa anche che certe parole chiavi come “lupi di Jouga” e “luna funesta” sono presenti nella filastrocche che usano qui a Jouga, cosi decide di andare a visitare gli archivi storici per indagare più a fondo. Successivamente vediamo Sakaki (quel ragazzo che credeva in quello che diceva Hiro nella puntata precedente) fuori casa di Kaori che pensa al suo passato, scopriamo così che lui era un brillante studente povero che doveva lavorare per guadagnare qualcosa, e vediamo una ragazza molto somigliante a Kaori che gli dà un regalo. Poi Kaori esce di casa e và ad accoglierlo decide di portargli i biscotti che aveva fatto Mana, e prima di andare a prenderli dice a Sakaki che ha un sorriso davvero affascinante, poi Sakaki se ne va. Più tardi vediamo Kaname che ha trovato un vecchio libro sulle filastrocche di Jouga, e mentre stà leggendo questa frase “Quando la luna rossa sarà piena, la grande falce entrerà in scena, la cerimonia del Kami Otoshi” e viene rapita. Hiro camminando incontra Sakaki e nel chiacchierare scopriamo che quattro anni fà anche lui ha visto morire qualcuno a lui caro, ovvero Shinjiu Mieko, la sua fidanzata, Hiro gli racconta che una sua compagna di classe è nel gruppo degli assassini che andava in giro ad uccidere le persone, e fa il nome di Kushinada Nemuru, Sakaki gli dice che ha un favore da chiedergli, però noi non vediamo niente. Intanto Hiro torna a casa e vede Mana piangere perchè Kaori gli ha detto di voler interrompere le lezioni di violino per le sue precarie condizioni fisiche. Vediamo Kaname che svegliandosi si accorge di essere in una cella, e chiedendo aiuto sentiamo la voce della fidanzata di Issei, che anche lei era stata rapita. E gli racconta che ha assistito alla cerimonia chiamata “kaomi Otoshi” in altre parole è stato giustiziato, poi continnua dicendo che era un dio e che ha baciato le sue labbra così l’ha resa diversa, è umana ma nello stesso tempo non lo è. La puntata finisce vedendo Nemuru sotto la pioggia, fuori dalla casa di Hiro che lo fissa dalla finestra, molto inquietante.